La Panca piana

la panca piana arnold

Spesso in palestra mi capita di notare, nelle esecuzioni della panca piana, che il bilanciere viene portato (nella fase eccentrica) al collo.
Questa tecnica fu resa famosa da Vince Gironda, un grande professionista del culturismo. Peccato che con questa esecuzione, le spalle ne risentano moltissimo.

Uno dei problemi, purtroppo sottovalutato, è proprio la “scorretta” esecuzione della panca piana. Per eseguire l’esercizio correttamente, dobbiamo, infatti, portare Il bilanciere all’altezza dei pettorali (capezzoli).

Perché ho messo la parola “scorretta” tra le virgolette?

Apriamo una velocissima parentesi: giusto o sbagliato in palestra, a mio avviso, sono termini generici. Ogni caso è un caso e varia in base al soggetto, agli obiettivi. etc. Quindi per una persona con delle patologie, malformazioni o molte altre cause, un determinato esercizio e una determinata esecuzione può essere adattabile e non adattabile.

Volendo essere il più corretti possibile, l’ideale è dire che esistono esercizi ed esecuzioni più pericolosi di altri.

Ma torniamo al nostro esercizio. Come detto, l’esecuzione della panca al collo può generare lesioni nei legamenti della spalla, sottoposti ad un forte stress. Ciò è dovuto a due fattori principali:

  • più l’omero è abdotto, cioè più lontano dal torace, più i legamenti gleno-omerali sono in tensione;
  • tanto più larga è la presa sul bilanciere, quanto sarà maggiore lo stress

Non si tratta di essere “pignoli”, tanto più che molte persone eseguono la panca piana al collo, senza aver mai subito danni o lesioni, ma dato che quando ci alleniamo le spalle sono sottoposte a forti stress, perché aggiungerne inutilmente?

Il rapporto beneficio-costo è troppo esiguo per spendere energie inutili, rischiando tra l’altro di decapitarvi. Potete, invece, ottenere un ottimo risultato eseguendo l’esercizio in relazione alla funzionalità delle vostre spalle.

Scegliete sempre con cura il vostro personal trainer e per qualsiasi domanda: info@taofitnessitalia.it

 Segui Fabrizio in Facebook!

Fabrizio Poletti

Tagged with: