Falsi miti sull’alimentazione

miti dell'alimentazione

L’alimentazione è ricca di falsi miti, li ritroviamo ovunque, dagli abbinamenti fra gli alimenti, al ruolo positivo o negativo di un particolare alimento nella dieta, dai pregiudizi su un particolare alimento, agli stili di vita da dover assolutamente seguire, ne elencherò qui sotto alcuni, ma sicuramente molti altri involontariamente li tralascerò.

Le uova aumentano il colesterolo

Forse uno dei miti più antichi e radicati, le uova sono senza dubbio un alimento ricco di colesterolo, ma diversamente da come molti pensano, il colesterolo alimentare agisce solo parzialmente sul colesterolo ematico. Inoltre le uova sono ricche di acidi grassi mono insaturi, che hanno effetti positivi sull’assetto lipidico nel sangue e anche di lecitina utile per eliminare il colesterolo in eccesso in circolo. Ciò a cui dobbiamo fare attenzione per controllare realmente il colesterolo ematico, sono prima di tutto gli zuccheri semplici e i grassi saturi.

Leggi l’articolo “Combatti il colesterolo

La frutta secca è calorica

È vero che la frutta secca è ricca di calorie ma, a differenza delle calorie vuote (leggi l’articolo “Cosa sono le calorie vuote“), è altrettanto vero che è un concentrato di proprietà utili al nostro organismo, sali minerali come magnesio, ferro, calcio, potassio, vitamina E, fibre, fitosteroli, acidi grassi polinsaturi come gli Omega 3, soprattutto, correlati con un aumento delle HDL in circolo e un calo delle LDL, inoltre, aiutano a diminuire la circonferenza addominale, tutto questo se inclusa in una dieta equilibrata, in cui sia prevista anche della sana attività fisica.

Per eliminare la ritenzione idrica, basta eliminare il sale e bere di più

L’abbiamo sentito dire spesso? Ebbene, eliminare del tutto il sale e bere più acqua, contribuisce a diluire i pochi sali (il sodio in particolare) che restano in circolo. Questo meccanismo spinge, alla lunga, il rene a captare questa differenza, attuando tutta una serie di meccanismi che portano il nostro organismo a trattenere il poco sodio e con lui i liquidi, il risultato finale in pratica è ciò che volevamo evitare. La soluzione è di non eccedere nelle quantità di sale (non più di 5 g al giorno di sale) e di bere quantità normali di acqua, senza forzature, considerando anche che molti alimenti sono ricchi di acqua.

miti alimentazione cibi alcalini e acidi

Dieta alcalina contro molte malattie

La dieta alcalina partirebbe dal principio di dover alcalinizzare il sangue attraverso il privilegio di alcuni alimenti, per essere in salute e limitare le malattie. Il nostro sangue però è stabilizzato su un range molto ristretto di pH, fra 7,35 e 7,45 e fa di tutto per mantenerlo in questo intervallo. Quando varia, anche se di poco, verso l’acidità o verso la basicità, attiva subito dei sistemi tampone, uno polmonare (più rapido) e uno renale (più lento), in grado di modificare la variazione di pH, semplicemente diminuendo o aumentando la frequenza respiratoria, oppure aumentando o diminuendo l’escrezione di ioni H+ o di ioni bicarbonato a livello renale, riportandolo ai livelli normali senza conseguenze per la nostra salute. Solo in particolari patologie, come insufficienze renali o respiratorie, il pH si sposta verso livelli critici, poiché, l’organo funzionando meno efficientemente, non riesce più a eliminare l’eccesso degli ioni prima elencati, portando l’organismo verso un’alcalosi o un’acidosi. Quindi se non soffriamo di questi disturbi il pH del nostro sangue, non si sposterà verso livelli pericolosi per la nostra salute.

Leggi l’articolo “Alimenti acidi e alcalini

L’ananas brucia i grassi

È il diktat della fine di ogni pasto abbondante, ma in realtà questo frutto venuto da lontano non fa miracoli, facendo sparire i grassi presenti in ciò che abbiamo mangiato in precedenza. Detto ciò però, non facciamolo sparire dalla nostra dieta, infatti, oltre che buoni livelli di potassio e vitamina C, contiene bromelina una proteasi in grado di degradare le proteine nel pasto, favorendone la digestione. Attenzione però, i livelli più alti di bromelina sono nella parte centrale quella che tendiamo a buttare, basta masticarla di più per beneficiare delle sue proprietà.

Succhi di frutta a merenda

I succhi di frutta confezionati non sostituiscono la frutta, infatti sono privi di fibre, arricchiti di zuccheri e impoveriti di vitamine. Perciò se beviamo un succo sperando di mangiare un alimento più “leggero? non è così. Cercate di mangiare frutta fresca e di stagione, a meno che il succo non sia fatto “in casa” e con frutta fresca!

miti dell'alimentazione e perdita peso

Mangiare solo insalata per dimagrire

Non è mangiando solo insalata o solo verdure, che si dimagrisce, si perde peso, quello sì, ma non solo il grasso, con esso perderemo anche una parte di massa magra, quella che dobbiamo salvaguardare per un dimagrimento di qualità. La soluzione è una dieta equilibrata adeguata alla nostra attività giornaliera e impostata da un esperto, abbinata naturalmente a dell’attività fisica.

Leggi l’articolo “Come accelerare il metabolismo con l’alimentazione

Frutta in quantità

Come per ogni cosa, non si deve mangiare frutta in quantità esagerate È un alimento ricco di acqua, fibre, vitamine e sali minerali, ma anche di zuccheri semplici, che dobbiamo limitare nella dieta di tutti i giorni.

Per oggi termino qui, voi invece conoscete qualche altro mito da sfatare?

GIANMARCO SANO CIBARSI consigli fitness