Il segreto del vincente: niente scuse!

il segreto del vincente Usain Bolt olimpiadi

In questo articolo mi voglio soffermare su un tema che troppo spesso è trascurato: l’importanza della volontà e della motivazione.

Nello sport in generale, si tende a sopravvalutare l’importanza degli schemi di allenamento e degli esercizi specifici  per innalzare i nostri record e massimali. Senza dubbio sono entrami molto importanti, ma possiamo considerarli, in un certo senso, come la punta dell’iceberg.
Non è il programma in se che fa migliorare, infatti molte persone, seguendo schede semplicissime, ottengono risultati migliori di altri che utilizzano programmi più complessi.

NIENTE SCUSE!

Vi starete a questo punto domandando se una scheda dettagliata o una preparazione atletica articolata e costruita con un nesso logico non serve, giusto?

La risposta è ovvia, certo che serve! Il punto in cui voglio arrivare è più sottile e va ben oltre l’allenamento in se’. È ciò che sta alla dell’allenamento. È ciò che ci fa uscire di casa quando fa un freddo cane, magari con un diluvio universale, poiché non appena entrate in palestra o indossate le vostre scarpe da basket o respirate il profumo dell’erba di un campo di calcio, vi sentite bene e non vedete l’ora di iniziare l’allenamento o la partita.

Questa è l’essenza che ci motiva e spinge a fare sacrifici per migliorare sempre più.

Il segreto del vincente, del campione, del primo in classifica non è solo la genetica o la “fortuna”, ma è la combinazione di una dedizione totale con il desiderio costante di imparare, per migliorare sempre.

coppi bartali ciclismo campioni consigli fitness

Perché voi possiate imparare qualcosa dovete volerlo. Dovete essere curiosi, disposti a non credere che tutto quello che fate o pensate sia giusto, ma mettere in gioco voi stessi e le vostre certezze. Ripeto, siate sempre curiosi e documentatevi da più fonti per comprendere il significato di ciò che volete imparare.

Quello che dico sempre alle persone che seguo in palestra e fuori è di partire dal presupposto che ciò che scrivo o dico siano fantasie e di non prendermi alla lettera ma di fare esperienza per capire se le mie idee sono compatibili con le loro.

Le persone del “tutto e subito” , che vogliono risultati immediati, che hanno fretta di ottenere qualcosa, si concentreranno sul particolare e sul difetto senza accorgersi dei propri miglioramenti, rischiando di esagerare e farsi del male. Coloro che pensano: “ma questo lo so già” si bloccheranno nell’ascolto e probabilmente non sentiranno quella parola in più per comprendere l’utilità di quel preciso esercizio o allenamento facendosi sotterrare dal giudizio. È nel confronto costruttivo che si cresce!

Il modo migliore per non ottenere e imparare nulla da un allenamento è trovare una giustificazione per continuare a fare ciò che si fa. Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose.

Volete vincere? Pensate e convincetevi di aver già vinto. Volete superare il vostro massimale alla panca piana o allo Squat? Abbiate fiducia in voi stesi e ci riuscirete.

Ovviamente “immaginare” di vincere e riuscire non basta! È necessario agire. Volete cambiare? Siate il vostro cambiamento.

Lo sport è per tutti, non esistono limiti di età, razza o sesso per praticare, esistono solo le scuse!

Scegliete con cura il vostro Personal Trainer e documentatevi sempre.
Buon allenamento

Segui Fabrizio in Facebook

Fabrizio Poletti